PostHeaderIcon ALLUVIONE A SALICE

(5 voti, media 5.00 di 5)

alluvione saliceNotte da incubo a Salice Calabro, zona della periferia nord di Reggio Calabria: il piccolo centro è stato letteralmente invaso da  fango, pietre e detriti di ogni genere che scendono a valle da Arghillà, dove viene depositata la terra di riporto degli scavi per i lavori della A3.  Le piogge torrentizie non trovando  valvola di sfogo hanno provocato paura e sgomento in tutti gli abitanti della zona che hanno dovuto assistere ad allagamenti di cantine, garages, auto sommerse dal fango e trascinate dalla furia dell’acqua. La paura e la disperazione serpeggiava ovunque con il timore che si potesse assistere a qualche tragedia, purtroppo annunciata.

alluvione salice 2Sono ormai alcuni anni che la pioggia provoca fenomeni simili richiedendo interventi di somma urgenza. Il centro, situato nella valle sottostante la collina di Arghillà non può sopportare e non riesce a resistere alla forza delle acque che scendono a valle trasportando via tutto ciò che travolgono. La strada provinciale che collega Catona a Rosalì, e che attraversa per intero in piccolo centro, è completamente invasa dal fango. Nemmeno la scalinata della chiesa parrocchiale è stata risparmiata, i primi due gradini, infatti, sono stati coperti dai detriti.

alluvione salice 3Nelle zone più basse del paese l’acqua, non trovando via di sfogo, ha formato enormi laghi la cui altezza ha superato gli 80 cm. Stesse acque che dalla strada si sono riversate in alcuni terreni che in mattinata sono ancora sottacqua. L’acqua che si è asciugata, invece, ha lasciato evidenti segni del suo passaggio; decine di centimetri di fango sono rimasti depositati per le strade lasciando impantanate le auto.

Questa notte per fortuna non si sono registrate vittime, se non tra gli animali, ma la furia del fiume di fango ha messo paura agli abitanti di Salice, nella mente di cui sono tornate le terribili immagini dello scorso anno di Giampilieri.

Questa volte il bollettino dei danni registrata cantine allagate, macchine semicoperte o portate via dal fango, strade inaccessibili, terreni sommersi, animali da allevamento morti ed un cane portato via dalla gabbia allagata per un soffio. Speriamo che non ci sia una prossima volta perché i danni potrebbero essere ben più gravi.

 PASQUALE SCOPELLITI

 

Nella sezione Foto Gallery un'ampia rassegna fotografica

 

 

 
Altri Articoli :

» Consegnati i lavori di allargamento e ammodernamento del Parco Verde a Salice

Salice Calabro - 15 Aprile 2011Alla presenza del sindaco Giuseppe Raffa, del consigliere Giuseppe Agliano, dell'Assessore Provinciale all'ambiente Giuseppe Neri e del Presidente dell'VIII circoscrizione Albino Passalacqua sono stati consegnati i...

» Ricognizione danni

 Comunicato della Provincia di Reggio Calabria relativo alla ricognizione dei danni provocati dall'alluvione del 2 e 3 Settembre 2010 

» Costituito a Salice il Comitato Popolare

“L’avevamo detto”Costituito a Salice il Comitato Popolare per l’emergenza Alluvione 

» Terminata l'assemblea

Nella sezione foto gallery le foto ed il video dell'assemblea.

» Assemblea Popolare

Stasera alle ore 18,00 al Verde Pubblico Attrezzato di Saliceper far sentire la nostra voce...
Visite

Visite di oggi:62
Visite di questo mese:814
Visite totali:150454
Cerca
Chi è online
 6 visitatori online